Marzo è dietro l’angolo e con le sue belle giornate primaverili, i lillà in fiore ed il rilassante cinguettio degli uccelli, porta con sé anche…

  • Quell’ansia irrefrenabile che si addensa nello stomaco poco prima di esibirti in una trafila di starnuti dal tempismo perfetto, al seguito dei quali ti sotterreresti volentieri dalla vergogna;
  • Il bisogno impellente di soffiarsi il naso (a suon di trombetta) prima che inizi a colare copiosamente (sai benissimo che non riuscirai mai a trovare i fazzoletti in tempo);
  • Quella frustrante sensazione di imbarazzo ogni volta che qualcuno ti chiede: “Cos’hai? Stai piangendo?” e tu per la centesima volta dovrai rispondere: “No… è solo l’allergia!”

Bene, se ti ritrovi in almeno uno di questi tre punti… Benvenuto nel Club!

Cos’è l’allergia?

È una reazione anomala del tuo sistema immunitario durante la quale delle sostanze solitamente innocue per la maggior parte della popolazione vengono, invece, riconosciute come estranee dal tuo organismo.

Allergie Varie

Queste sostanze sono chiamate allergeni, e possono essere di varia natura:

  • acari, polvere e muffe;
  • alimentari;
  • latex;
  • peli di animali;
  • prodotti per la pulizia e l’igiene della casa;
  • scarafaggi.

L’allergia può manifestarsi in diverse parti del corpo: sulla pelle, sugli occhi, a livello dell’intestino o ancora a livello delle vie respiratorie.

Come si scatena l’allergia?

L’allergia si distingue dalle intolleranze, in quanto al momento del contatto con la sostanza allergizzante la manifestazione dei sintomi avviene mediamente in 15 minuti.

Queste allergie immediate funzionano in realtà in due tempi.

  1. La fase di sensibilizzazione o di esposizione
    Durante questa fase di esposizione all’allergene, l’organismo produce degli anticorpi chiamati Immunoglobuline E (IgE) che serviranno poi a riconoscere l’allergene.
  2. La fase della reazione
    Quando il nostro organismo sarà nuovamente in contatto con l’allergene, esso sarà riconosciuto dalle IgE che scateneranno la reazione infiammatoria.

Quali sono i sintomi dell’allergia ?

I sintomi dell’allergia possono variare da un individuo all’altro e colpiscono diverse parti del corpo provocando diverse reazioni.

  • Naso: rigonfiamento della mucosa, starnuti e gocciolamento (rinite allergica). 
  • Occhi: arrossamento, prurito e lacrimazione eccessiva (congiuntivite allergica).
  • Vie aeree inferiori: broncocostrizione, irritazione e nei casi peggiori attacchi d’asma.
  • Pelle: dermatiti e orticaria.
  • Shock anafilattico, nei casi più gravi.

Quali sono i fattori di rischio dell’allergia ?

  • Fattori ereditari

Le allergie sono dovute ad alterazioni di alcuni geni che portano ad una iperproduzione di immunoglobuline IgE. Il rischio di sviluppare un’allergia aumenta all’aumentare del numero di parenti affetti dalla patologia.

Le IgE esistono in ognuno di noi e circolano libere nel nostro organismo. Il loro scopo primario è quello di lottare contro i parassiti che potrebbero invaderci. 

Nel soggetto allergico le IgE vengono anche prodotte a contatto con sostanze non nocive e scatenano una reazione esagerata del sistema immunitario.

  • Fumo

Le persone che sono state esposte al fumo di sigaretta durante la loro infanzia hanno anche loro una maggiore probabilità di sviluppare patologie respiratorie.

  • Qualità dell’aria

L’inquinamento dell’aria è un fattore di rischio e un fattore aggravante in quanto peggiora stati d’asma o di rinite allergica.

Per lo più i cambiamenti climatici hanno provocato un aumento della produzione di pollini da parte delle piante.

  • Eccesso d’igiene

Il progresso delle condizioni igieniche nelle quale viviamo è stato fondamentale per aumentare la speranza di vita.

Tuttavia è stato dimostrato che il contatto sin da piccoli con ambienti, si puliti, ma non asettici, così come il contatto con un animale di compagnia nel primo anno di vita, portano ad una stimolazione del sistema immunitario da parte di alcuni batteri che gioca un ruolo importante nella prevenzione dei fenomeni allergici nei soggetti adulti.

Posso prevenire l’allergia?

Evitare del tutto un’allergia non sarà possibile, tuttavia puoi avere alcune accortezze per diminuire il contatto con gli allergeni. Quali?

  • Cambia l’aria ogni giorno delle stanze di casa.
  • Evita il fumo sia passiva che attivo.
  • Limita l’uso di prodotti irritanti per la pulizia della casa.
  • Mantieni una temperatura di 20 °C, e un grado di umidità inferiore al 70%, per evitare lo sviluppo di acari e muffe.
  • Porta occhiali protettivi quando si esce fuori.

E sai che l’allergia si può alleviare anche con farmaci naturali?

Iscriviti alla nostra newsletter qui in basso per accedere a contenuti speciali su questo argomento!

Informazioni sull'autore: