Vuoi davvero lasciarti sfuggire questo AIUTO per la MENTE?

Sei proprio sicuro di lasciarti sfuggire

QUESTO PREZIOSO AIUTO PER LA MENTE?

Leggi questo articolo e capisci perché

 

Ciao, e bentornato al mio Blog.

Oggi voglio parlarti di alcune piante che possono essere molto utili per la loro azione sulle funzioni psico-fisiche dell’organismo. Intendo in particolare:

Ognuna di queste piante, sempre tenendo in considerazione i Farmaci che una persona già assume, possono essere utilizzate con buoni risultati per aiutare le funzioni del nostro cervello.

Ginko Biloba
Gingko Biloba

Ad esempio il Gingko biloba, usato da millenni nella Medicina orientale tanto da essere considerato un “fossile vivente”, oltre ad essere un potente antiossidante, è sempre più studiato nelle patologie del Sistema Nervoso Centrale, prima di tutto perché è molto sicuro e poi perché ha mostrato nei primi esperimenti risultati promettenti nelle fasi iniziali di Demenza Senile e malattia di Alzheimer, problematiche molto gravi e in grande crescita nel mondo occidentale

Inoltre il Gingko ha un effetto noto anche sul Tinnitus, cioè gli Acufeni detti volgarmente anche “fischio nell’orecchio

Soprattutto quando si può agire sulla circolazione sanguigna per trattare gli Acufeni, l’estratto di questa pianta può essere davvero utile, o quantomeno da provare, visto che comunque è estremamente sicura

Infine un altro utilizzo del Gingko è quello nel Tremore e nella difficoltà a camminare, quando appunto c’è una causa di tipo circolatorio…molto spesso viene sottovalutato l’uso di questo estratto, forse perché è naturale e si crede che non possa funzionare bene, ma di studi scientifici ce ne sono davvero centinaia!

La seconda pianta di cui ti parlo è il Panax quinquefolius, detto anche Ginseng Americano, da non confondere con il Ginseng Asiatico che comunque è studiato da molto più tempo

Alcuni recenti studi sull’utilizzo di questo estratto hanno mostrato uno stimolo delle funzioni cognitive, come ad esempio l’Attenzione, la Memoria e l’Apprendimento oltre alla Capacità di mettere in pratica più velocemente le nozioni imparate

Quindi, effetti molto importanti nel nostro mondo così veloce ed eccessivamente stimolante, considerando anche l’aumento incredibile di prescrizioni di Farmaci ansiolitici ed antidepressivi

E parlando proprio di Ansia, l’ultima pianta che voglio accennarti è la Whitania somnifera, conosciuta anche come Ashwagandha o Ginseng Indiano

Anche questa pianta agisce sulle funzioni cognitive e quindi sul Sistema Nervoso Centrale, ma forse gli studi più interessanti sono proprio quelli in cui si nota un buon controllo di svariati sintomi correlati allo stato ansioso, in pazienti trattati con estratti specifici di questa pianta

Chiaramente gli studi sulla Medicina Naturale e su queste piante devono continuare in modo sempre più specifico e preciso, ma se ci sono le condizioni a mio parere dovrebbero sempre essere provate sui pazienti prima di iniziare una terapia farmacologica con specialità medicinali, a cui si può sempre ricorrere in un secondo momento

chiedi info

Grazie per la tua attenzione, ti aspetto al prossimo articolo

 

Esperto in Alimentazione naturale e dello sport, esperto in Fitoterapia e Medicina Naturale, esperto in Omeopatia Classica

Lascia un commento:

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato

Site Footer