Uno dei problemi più comuni che affligge il mondo occidentale è rappresentato dai problemi digestivi… se sei qui, significa che probabilmente hai problemi di digestione e se hai problemi di digestione, potresti avere uno o più dei seguenti sintomi (per certi aspetti anche molto imbarazzanti):

  • bruciori di stomaco;
  • dolori all’addome;
  • eruttazione;
  • alitosi;
  • rigurgito acido;
  • sensazione di pesantezza e gonfiore addominale.
digestione

Adesso vediamo insieme come digerire meglio

Ebbene sì, se soffri di almeno uno di questi sintomi, è chiaro che potresti avere problemi di digestione.

Adesso però non preoccuparti, infatti è una cosa davvero frequente considerando che almeno un terzo degli adulti fra i 30 e i 40 anni soffrono di questo disturbo, conosciuto anche come dispepsia. 

Lo so, questo termine sembra descrivere una patologia gravissima, in realtà traducendo dal greco “dys” difficile e “pepsis” digestione, indica semplicemente un disturbo della funzione gastrica intestinale.

Le cause? Possono essere molteplici, oggi però vorrei parlarti in particolare di come la digestione sia un processo che sì, vede il suo svolgimento e compimento nello stomaco, ma ha come origine la bocca.

Infatti il primo passo per digerire meglio… è una corretta masticazione!

Perché è importante un’adeguata masticazione per ottenere una digestione ottimale?

Ti ricorderai sicuramente la classica frase utilizzata dalla mamma o dalla nonna quando durante i pasti si raccomandavano di masticare bene ogni boccone prima di ingoiarlo… Ecco, mamme e nonne non potrebbero avere più ragione, infatti:

  • masticare bene ogni boccone, permette al nostro cervello di capire cosa stiamo mangiando. Questo fa sì che si attuino i processi digestivi necessari a preparare l’organismo ad assimilare meglio le sostanze ingerite.
  • Masticare bene, garantisce una pre-digestione.
    Questo è importantissimo in quanto è di supporto al lavoro di stomaco ed intestino e favorisce l’assimilazione delle sostanze nutritive.
  • Masticare a lungo aiuta a mangiare meno, lo conferma uno studio pubblicato sull’American Journal of Clinical Nutrition secondo il quale masticare bene stimola il rilascio di ormoni che regolano l’appetito e la sensazione di sazietà a livello cerebrale.
  • Grazie ad una corretta masticazione il corpo lavorerà meno e di conseguenza avrà più energia.
  • La saliva ha un ruolo fondamentale nella digestione, infatti contiene enzimi capaci di scomporre amidi e grassi e quindi di facilitare i successivi processi digestivi.

Insomma, imparare a masticare bene è fondamentale per digerire meglio e come vedi, c’è solo da guadagnarci.

Allora perché ci sembra così impossibile cambiare abitudini?

È come se il mondo stesse correndo più veloce delle nostre possibilità, è un tapis roulant impazzito che ci obbliga a non avere mai abbastanza tempo, nemmeno per capire di che cosa ci nutriamo ogni giorno.

E come potremmo pretendere di digerire bene se la velocità con cui ingeriamo il cibo è di gran lunga superiore alla velocità di reazione del nostro cervello? 

Il sistema nervoso non ha il tempo di capire che cosa sta succedendo, il risultato è che ci troviamo con lo stomaco pieno ed i processi di digestione bloccati.

 

Ecco allora un consiglio per una buona digestione.

Potresti cominciare a porti l’obiettivo di applicarlo almeno una volta a settimana e se trovi che possa aiutarti, utilizzalo ogni volta che vorrai.

A pranzo o a cena, spegni il televisore e riponi il cellulare il più lontano possibile dal tavolo. Osserva bene il cibo che hai nel piatto, non divorarlo per inerzia, inizia a comprendere che è il tuo carburante, è il tuo nutrimento.

Mastica lentamente e molte volte finché il boccone non si sarà ridotto ad una poltiglia.

Concentrati, fai in modo che il tuo cervello capisca che stai mangiando e soprattutto, non essere più schiavo del tempo, dominalo, sii presente in ogni azione quotidiana, anche la più scontata o la più naturale… come masticare.

Sei vuoi approfondire l’argomento, guarda questo video

digestione

Informazioni sull'autore: