Per Me è Meglio se Non Fai Prevenzione! ; )

Sai perché tutte le volte che penso alla parola PREVENZIONE perdo la testa?

Perché in Farmacia vedo tutti i giorni persone che potrebbero vivere una vita molto più serena, se solo sapessero cosa mangiano

È facile da dire, e per me anche da spiegare bene, ma è difficilissimo metterlo in pratica, perché le nostre abitudini sono così dure e incallite che sull’alimentazione non ci sono storie: mangiare è una delle poche soddisfazioni della vita!

Sapessi quanti amici e clienti ho perso solo perché ho parlato di questa benedetta ALIMENTAZIONE!

E quindi, il titolo di questo articolo è chiaro: per la Farmacia è più importante se la persona si ammala, perché la Farmacia vende di più

 

Lo so che è parecchio triste, ma è la verità

 

Quindi, Non Fare Prevenzione, fammi questo piacere…

 

Se invece hai il grillo parlante nel cervello, ti svelo una cosa importante, anche se a questo punto non so se mi credi

Il pilastro della vera prevenzione è ciò che si mangia

Senza se e senza ma

Si può dire tutto e stare a sentire ogni discorso, ma questo è un “dogma”!

E anche tu te ne puoi accorgere sempre di più, perché nel nostro mondo occidentale siamo passati dalle malattie della povertà di prima della seconda guerra mondiale, alle malattie del benessere di oggi, senza essere riusciti a trovare un equilibrio

È stato un cambiamento così veloce, che è passato come un treno senza fermarsi

È come se tutti i progressi raggiunti dalla medicina, dall’igiene e dall’alimentazione dell’ultimo secolo, all’improvviso siano spariti

Senza essere diventati un chiodo, un piolo, uno scalino, una certezza fondamentale per l’uomo

BOOM!!!  Spariti!!!

In che senso?

Nel senso che hanno preso un indirizzo esclusivamente “economico”, di interesse di pochi e poco beneficio per la gente

O meglio, il beneficio c’è stato all’inizio e ci sarebbe ancora, ma è stato superato, direi surclassato dal potenziale danno

Non è colpa diretta né tua, come persona/paziente, né mia, come Farmacista, ma sicuramente anche noi ci siamo lasciati prendere dal vortice dell’informazione “sbagliata”, quella più leggera e superficiale

Gli esempi sono sotto gli occhi di tutti, anche tuoi!

Io parto sempre col dividere le malattie: quelle della povertà e quelle del benessere

Le malattie della povertà sono quelle dei nostri nonni, quelle dovute principalmente alla mancanza di igiene, di acqua potabile, di fogne, di riscaldamento

Ma anche mancanza di cibo, quindi di macronutrienti (carboidrati, proteine e grassi) e micronutrienti (vitamine e minerali), essenziali per il corretto sviluppo del corpo umano

Allora, di che cosa si ammalavano principalmente i nostri nonni?

  • di malattie infettive che non riuscivano a guarire, perché fino a dopo la seconda guerra mondiale gli antibiotici non erano in commercio;
  • di tubercolosi polmonare, ulcere, malattie parassitarie, che erano molto frequenti e idem come sopra non esistevano gli antibiotici
  • oppure di reumatismi cronici, perché le case erano fredde e umide;  
  • e anche cardiopatie reumatiche, magari dopo una banale faringite da streptococco

Invece, i nonni di oggi di cosa si ammalano?

Di malattie che derivano da un eccesso di alimentazione!

Principalmente cancro, diabete e cardiopatie coronariche, malattie tipicamente croniche, oltre che di demenza

Queste sono tutte conseguenze del benessere in cui viviamo: vengono stimolate tutte le caratteristiche negative della nostra genetica, per cui la figlia pensa che siccome la mamma aveva il colesterolo alto, allora anche lei deve averlo per forza!

Questa è una “normale” frase del paziente in Farmacia!

Me la sento dire tre volte a settimana…

Invece, se la genetica non si stimola “male”, non è cattiva per forza… non tira fuori per forza i suoi aspetti negativi!

Ma tornando all’inizio, come mai siamo passati così dalla carenza di cibo all’eccesso di cibo?

Se devo dirti la verità, io penso che si sia perso il controllo con il boom economico, per quanto riguarda l’Italia, ma è stato lo stesso per quasi tutto il mondo occidentale, magari in momenti diversi

Se si va a vedere la distribuzione delle malattie, cancro e cardiopatie sono tipiche dei paesi economicamente più avanzati: USA, Australia, tutta l’Europa, Sud Africa, le zone industriali di Russia e Cina

Secondo te può essere solo una questione genetica? Oppure sulla genetica ci martella pesantemente l’ambiente in cui si vive, le abitudini sbagliate, la schifezza che si mangia e si respira?

Non ti dò qui la mia risposta, l’hai già intuita e la sai già

Quello che posso fare, se vuoi, è darti una serie di indicazioni adatte, in modo che tu possa capire perché e come fare la tua PREVENZIONE

TUTTI POTREBBERO FARE PREVENZIONE

Tutti possono FARE prevenzione

Per questo, tutte le volte che penso a questa parola, perdo la testa e dico: che peccato!

Esperto in Alimentazione naturale e dello sport, esperto in Fitoterapia e Medicina Naturale, esperto in Omeopatia Classica

Lascia un commento:

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato

Site Footer